Home arrow Notizie e Attività
Notizie e Attività
SPUMANTI & SPUMANTI: FRANCIACORTA - OLTREPO - TRENTINO - ASTI - VALDOBBIADENE - ECC. SOLO BOLLICINE PDF Stampa E-mail

ImageFervono i preparativi della seconda edizione di Volta Mantovana sugli Spumanti Italiani: Franciacorta, Oltrepo, Trentino e così  le altre zone vocate alla spumantistica, saranno gli artefici di
una particolare manifestazione di bollicine Italiane, nell'area del Garda (Brescia - Desenzano - Sirmione - Verona - Volta Mantovana).

L'evento si terrà il 23 - 24 - 25 ottobre 2010 all'interno della residenza estiva (Villa dei Gonzaga), situata sulle colline di Volta Mantovana, ricca di giardini all'Italiana.

Stand riservati ai produttori di vini spumanti e  stand separati di prodotti alimentari saranno a disposizione per l'assaggio e l'acquisto da parte dei visitatori.  La giornata di Lunedì 25 ottobre 2010, sarà riservata alla ristorazione e operatori del settore.

Si terranno degustazioni guidate da Paolo Lauciani e da Osvaldo Murri riferite alle tipologie degli spumanti e le loro caratteristiche: Metodo Classico e Metodo Italiano e poi: Zero, Extra Brut, Brut, Sec, Demisec, Dry, Extra Dry; a seguire Millesimi, Cuvette, Riserva.

I produttori faranno degustare i propri prodotti, suggerire gli abbinamenti e proporre l'acquisto direttamente dal proprio stand in loco.  Lunedì 26 potranno ricevere i ristoratori e gli operatori di settore anche in appositi incontri in sale predisposte allo scopo.

Insomma, una manifestazione frizzante, allegra e piacevole. Prenotatevi.

Info e prontazioni: Comune di Volta Mantovana
Telefono: 0376.839431/2
e-mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Alcune foto
dei giardini della Villa dei Gonzaga dove si tiene Spumanti & Spumanti
prima foto: banco d'assaggio
seconda foto: stand esposizione, assaggio, vendita
terza foto: vista completa degli stand
quarta foto: un momento della manifestazione scorsa.

Image





















Image





















Image





















Image
 
ANTICA TRATTORIA GIOVANELLI: DA TRE GENERAZIONI STUPISCE SEMPRE! PDF Stampa E-mail
ImageLo confessiamo, manchiamo da questo locale da diversi anni e ci siamo ritornati per valutarlo, malgrado le temperatura climatiche del mese di agosto e la giornata di domenica. 

Li cogliamo di sorpresa, senza annunciarci e senza presentarci, se non alla fine, dopo aver saldato il conto, scombiando la loro, giornata con le pose e le fotografie degli artefici di questo locale e alcuni loro piatti.

La Famiglia Giovanelli, residenziati in Val Luretta, in quelli di Piacenza,  gestisce questo locale da ben tre generazioni e ci si accorge in primis per la presenza del giovane Marco Giovanelli in sala, l'uomo jolly, in grado di accompagnarvi per mano per degustare i sapori della tradizione piacentina, vini compresi.

ImagePoi  la presenza in cucina, dimostrata dalla presenza di diverse donne, di differinti età,  che marcano il tempo, i talenti e l'esperienza della tradizione piacentina con il loro fare.

Da questa cucina tutti i piatti che arrivano in tavola sono lavorati e realizzati come una volta, con le antiche ricette di chi li ha preceduto,  rispettando i sapori, le quantità delle materie prime, la provenienza dei prodotti tipici, esclusivamente piacentini ed emiliani, trasformati grazie alle mani esperte e alla sapienza culinaria di Raffaella e Piera Giovanelli.

I salumi proposti, realizzati dal vicino salumificio, ripercorrono l'antica ricetta dei nonni e vengono stagionati nella loro vecchia cantina.

ImageI primi piatti sono rappresentati dalla pasta fresca preparata quotidianamente a pranzo e a cena, con in testa i  tortelli con il ripieno di ricotta, sono sempre presenti  nel menu e per tutto l'anno.

I "Pissarei e Faso", tipici gnocchetti fatti con farina e pane vecchio grattuggiato, conditi con sugo e fagioli borlotti, rappresentano il piatto povero, ma ricercato da tutti i buon gustai, non solo piacentini.

Gli Anolini in Brodo, il piatto ricco della festa del Natale,  qui lo si degusta anche nel mese di agosto, grazie al ripieno che si fa cuocere per un'intera giornata (la polpa di manzo, polpa di maiale e salsiccia) poi  tritata e mescolata a grana grattugiato e uova, e per  alla sua forma e la sottile pasta che trattiene tutto.
    
Tra i secondi piatti predominano gli arrosti: coppa di maiale, arrotolato di vitello, stinco di maiale, faraona  il salame cotto accompagnato in inverno dal puré di patate.

ImageTre o quattro volte alla settimana, in occasione della preparazione del tradizionale brodo di carne, si possono gustare i bolliti: gallina ripiena, manzo, costina.

Per chi ama il formaggio può gustare il grana piacentino prodotto dal caseificio Val Luretta e il formaggio di mucca, capra e pecora dei Pianoni, abbinati al miele prodotto a Sarturano.

Anche i dolci sono molto semplici e variano in base alla stagione: semifreddi all'amaretto, al croccante, al malvasia, allo yogurt e more, aspic di frutta, crostata, torta di frutta.  Qui si trova anche un dolce della tradizione, ovvero, il "busslan", la ciambella da intingere nel vino.  Inoltre viene preparata la torta soffice di mandorle che era molto in uso nella Val Luretta.


Abbiamo abbinato tutti i piatti con un Gutturnio Frizzante dei Colli Piacentini dell'Azienda Luretta nella stupenda veranda realizzata solo da qualche anno.

ImageUnica pecca e che si autorizza a fumare
.  Provate a pensare ad un ospite che operatosi all'esofago (o altra parte dell'apparato rspiratorio o gastro-interico) con ottima riuscita  dell'estirpazione di un tumore: come deve comportarsi ?: litigare?, mettere in piazza il suo problema?, chiedere al fumatore di smettere?.  No!: la soluzione più semplice è quella di abbandonare il locale e non tornarci mai più!.
 

Il consiglio è di provvedere
 a rimuovere questo impedimento e di tutelare la salute dell'ospite sempre!.  Chi vuol fumare e menomarsi la salute vada fuori dal locale e non infetti gli altri con il fumo passivo.

Per il resto è un locale che consigliamo e che invitiamo di prenotare sempre. Ottimo anche il rapporto qualità e prezzo.


Info: ANTICA TRATTORIA GIOVANELLI
Via Roma, 51
Loc. Sarturano
29010 - Agazzano - PC
Telefono: 0523/975155


 
MARANO LAGUNARE: VEDOVA RADDI - PREMIO ALLA PROFESSIONE, ALLA TIPICITA' E ALL'OSPITALITA' FRIULANA PDF Stampa E-mail
ImageNon potevano esserci a Travazzano di Carpaneto (Pc) per ritirare il premio assegnato alla professione da Isnart e Ospitalità Italiana e allora siamo andati noi a Marano Lagunare (Ud) a consegnarlo direttamente durante una festa di innaugurazione del "Casone" di Raddi, alla foce del fiume stella.

Al piccolo porticiolo di Marano Lagunare,
con un'altra decina di  invitati ci hanno imbarcato  su un taxi nautico e attraverso i canali della laguna, dopo circa venti minuti, ci hanno portato alla meta: al Casone di Decio, all'interno di un canale ricco di canneti e reti per la cattura e la pesca del pesce.  Dopo l'attracco, Decio, sua Moglie e il loro staff ci hanno accolto come degli amici e facendoci visitare in lungo e in largo il grande "Casone", arredato per una cinquantina di persone, ci hanno esternato il loro sempre ed affettuoso benvenuto.

Stupendo!, è stata la  mia esclamazione, quella del dottor Piero Zargara (Isnart) e  di Nicola Montesissa (produttore di vini) invitati per l'occasione.

ImageMancavano pochi minuti alle ore dodici e sulla tavolata predisposta nel giardino  adiacente al casone, sono arrivati piatti di salumi del luogo, sperlunghe di sarde al sapore di mare e in agro\dolce e poi, l'anquilla fritta accompagnata da una ricca frittura di pesce di laguna, poi gamberetti rossi, e poi ancora cozze alla marinara (a sazietà) e poi ancora, volgole veraci alla marinara,  all'infinito.

L'orologio scocca le ore 13,00 ed arriva una barca con  sopra la famiglia di Eugenio Collavini, notissimo produttore di vini friulani e della sua stupenda Ribolla Gialla Spumante e con il suo arrivo gli oltre cinquanta invitati ci sono tutti. Si sfoggiano così i migliori vini portati per l'occasione e tutti immersi in vasconi di ghiaccio in modo da servirli  freddi al punto giusto. Un fiume di vini di tutti i colori e dai mille sapori hanno accompagnato il ricco spuntino-aperitivo consumato in giardino, prima del pranzo ufficiale nel "casone" di Deccio Raddi.

ImageAbbiamo colto l'occassione della presenza completa di tutti gli ospiti per consegnare a Deccio Raddi e sua Moglie, la targa in argento di Isnart e Ospitalità Italiana e Touring del Gusto, contenete la gran menzione alla Professionalità. Le motivazioni sono state illustrate dal dottor Piero Zagara (Ospitalità Italiana), a segure il dottor Collavini, e a seguire il dottor Nicola Montesissa, titolare della cantina che ha ospitato e promosso il Touring del Gusto e da Osvaldo Murri, giornalista eno-gastronomo ideatore del Touring del Gusto, arrivato alla 3a Edizione.

Alla Famiglia Raddi la riconoscenza delle Istituzioni per l'opera profusa in tutti questi decenni nei confronti della buona tavola, l'ottima cucina, la stupenda accoglienza mai venuta meno dall'epoca dei nonni a giorni odierni, alzando sempre più la qualità delle proposte e l'onestà del prezzo. Un attaccamento alla clientela mai visto e per il quale noi che scriviamo, siamo i viventi testimoni da oltre 45a anni.

Entrati nel casone abbiamo trovato le tavole già imbandite e pronte ad accogliere il meglio che la grigliata friulana potesse offrire; gamberoni rossi, mazzancolle, scampi, anguilla allo spiedo, e altro che non ricordiamo e poi ancora vino, anzi, ottimo vino.
Montesissa con i suoi vini autoctoni e storici (Ortrugo, Malvasia secco, Gutturnio Spumante) ha impressionato positivamente i commensali acquisendo ulteriori amici anche in terra friulana.

Image



























La conclusione della giornata (iniziata alle ore 12,00 e terminata alle ore 17,00) ha visto lo sfoggio dei dolci friulani, Gubana compresa, e il caffè nella caffettiera di casa, così come nelle antiche tradizioni marinare e agricole.

Ci siamo imbarcati sulla motovedetta turistica con una decina di altri ospiti e con la speranza nel cuore di tornare una prossima volta .

Noi vi possiamo consigliare che se siete da quelle parti non lasciatevi scappare questo locale: testatelo, gustatelo, assaggatelo e non vi pentirete. Però Prenotate.


Leggi tutto...
 
MURRI A RETE4 a Vivere Meglio con la Qualità Vitivinicola Italiana PDF Stampa E-mail
ImageL'estroso giornalista eno gastronomo, che nel sondaggio del personaggio dell'anno 2009 promosso da Italia a Tavola ha sbaragliato i più illustri personaggi della categoria, presenta a Rete4 nella trasmissione salutistica di "Vivere Meglio", tre territori e altrettanti prodotti della qualità Italiana.

Sono anni che l'opera murriana si rivolge alla produzione vitivinicola italiana per scoprirne le tipicità, la storicità e la qualità per farla emerge dal buio in cui si trova e dargli la luce che merita.

Lo scopo  di murri è quello di rintracciare queste aziende  e promuoverle come  possessori di un bene comune, nonchè patrimonio storico della territorialità Italiana.


Le prossime puntate, prima della pausa agostiana, sono così fatte:
  • sabato 17 aprile 2010 tra le ore 9,30 - 11,00: il Prosecco, il  vino Spumante Italiano che fa storia nel mondo;
  • sabato 1 maggio 2010  tra le ore 9,30 - 11,00: Il Cruasè, ovvero, Il Pinot Nero Rosè, lo Spumante che parla il linguaggio dell'italia dell'Oltrepo;
  • sabato 3 luglio 2010, tra le ore 9,30 - 11,00: Franciacorta punto e basta. In questa puntata azienda esordiente è Lenza di Coccaglio con i suo stupendi sei magici Franciacortini.
Image



























In cantiere la seconda edizione di settembre - dicembre 2010

Nella foto: Franciacorta punto e basta: l'Azienda Lenza di Coccaglio con le Vitamine di Rete4 di Vivere Meglio. In primo piano Murri e Vittorio Lenza,  suo figlio Luca e le Vitamine.

Leggi tutto...
 
TOURING DEL GUSTO 2010: LA SERATA DI GALA DELL'AZIENDA MONTESISSA DEL 7 GIUGNO. UN SUCCESSO PDF Stampa E-mail

ImageCento sessanta le presenze alla tappa finale della seconda edizione del Touring del Gusto tenutasi, lunedì 7 giugno  presso l’azienda Montesissa di Travazzano di Carpaneto, ed è possibile affermare che è stato un grande successo.

Presso l’azienda Piacentina si sono presentati i 18 ristoranti che hanno vinto la selezione alla Qualità ed Originalità del piatto e il miglior abbinamento con i vini autoctoni e storici Montesissa, per ritirare la Targa ISNART e di OSPITALITA’ ITALIANA a loro assegnata.

Quarantadue i ristoranti concorrenti, 18 i vincitori che hanno superato gli 80 punti. La selezione ha investito le regioni, Liguria, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Friuli V. G. ed ha interessato oltre 2000 persone. Il Touring  proseguirà nei prossimi giorni con la Terza Edizione.

Image






















Questi i locali, i piatti e gli abbinamenti vincitori:


ImageIL GIGLIO:   RE                                  PENTAGONO DI TORTELLI REGGINI E ZUPPERINE DI SUGO
                                                             GUTTURNIO FERMO DOC
NIDO DEL PICCHIO:     PC             SPAGHETTINI DI FARRO AL TARTUFO NERO CON FONDUTA
                                                             DI GRANA E POLVERE DI POMODORO;
                                                             GUTTURNIO FRIZZANTE DOC
TRATTORIA DELL’ALBA: CR         OCA IN TERRAGNA CON MOSTARDA DI MELE E PATATE AL
                                                             FORNO:
                                                             CUCCON: GUTTURNIO RISERVA DOC
M A O S I :     CR                                COFANETTO DI MELE E MANDORLE E CREMA IMGLESE AL
                                                             CALVADOS;
                                                             PASSITO RONCO DELLA SETA
DA GIOVANNI (CORTINA): PC      GUANCIALE DI VITELLO BRASATO AL LADAR E POLENTA
                                                            DI  FARINA MACINATA A PIETRA;
                                                            AL LADAR: BONARDA RISERVA DOC;
L’UVA RARA:   BS                            COSTOLETTA DI CERVO CON RIDUZIONE DI VINO ROSSO E
                                                            CIPOLLE GLASSATE:
                                                            AL LADAR: BONARDA RISERVA DOC;
BISTECK:      CR                              SALAME DI CIOCCOLATO, CREMA E ZABAIONE, GELATO DI
                                                            CASTAGNE;
                                                            BONARDA DOLCE DOC
PONTE ROSSO:  PV                       LA ZUPPETTA DI VOGHERA
                                                            MALVASIA ROSA PASSITO;
DA ROMEO:   PR                             TORTELLI DI RICOTTA E ERBETTE E TORTELLI DI CASTAGNE
                                                           GUTTURNIO FRIZZANTE DOC
ImageBISTROT DELLA FILANDA:BS     CONIGLIO IN TERRACOTTA CON FEGATELLA ALLA CONTA-
                                                           DINA E POLENTA BELGRANO;
                                                            AL LADAR, BONARDA RISERVA DOC;
IL VINACCIOLO:  AL                       RISO CARNAROLI STAGIONATO 24 MESI CON PISTILLI DI ZAF
                                                           FERANO, SPECK CROCCANTE DI SAURIS E RICOTTA AFFUMI-
                                                           CATO DELLA CARNIA;
                                                            MONTESISSA AL ME RUSS METODO ITALIANO (BRUT);
R I V A:   PC                                      CARPACCIO SCOTTATO ALL’OLIO DI OLIVA, PEPE NERO E
                                                            ROSMARINO
                                                            GUTTURNIO FERMO CLASSICO SUPERIORE
L’ULIVETO:     BS                             RISOTTO CON GAMBERI DI FIUME
                                                            MALVASIA SPUMANTE SECCO M.IT
PANE & SALAME: MI                       TORTELLI PIACENTINI CON LA CODA CON DUE SUGHI:
                                                            BURRO FUSO E GARANA PADANO- FUNGHI –
                                                            GUTTURNIO FRIZZANTE DOC
ANTICA OSTERIA LA PESA: PC   PISAREI E FASO BASOTTI ESTIVA
                                                           GUTTURNIO FRIZZANTE DOC
VEDOVA RADDI: UD                      RISOTTO DI MARE E CANNOLICCHI MARANESI
                                                           ORTRUGO SPUMATE METODO CLASSICO
VECCHIA BOTTEGA                      DI TORTELLI DI VALEGGIO IN BRODO DI CAPPONE
DI BORGHETTO S-M.:  VR            MONTESISSA AL ME RUSS METODO ITALIANO (BRUT);

LA STALLA:  GE                              PASTA FRESCA ALLA SPEZINA: TESTAROLI AL PESTO – SALSA DI
                                                           POMODORO E  PINOLI
                                                           MALVASIA SPUMANTE SECCO M. IT

Ospite d'onore il Dottor Piero Zagara dell’Isnart il quale, insieme a Nicola Montesissa e la sua famiglia, ha consegnato il prestigioso premio alla Qualità (premiando la qualità totale) e alla Professione (premiando la professionalità).

Image
Erano presenti Autorità locali, provinciali e Regionali, ristoratori di altre province, operatori del settore e il professor Attilio del Re,  professor “emerito” (1996) dell’Università di Piacenza, autore della ricerca e del libro “La Cucina Ottimata”.

Riconoscimenti alla professionalità sono stati assegnati alla Rivista “Italia a Tavola”, La Gazzetta di Parma, Libertà, quotidiano di Piacenza, Il Giornale di Brescia, La Voce d’Italia, La Provincia di Cremona, La Gazzetta di Mantova, La Cronaca, il Settimanale PIU, Cremona Web, Comunicare Editore, Il Secolo XIX, Pavia in Tasca, Alessandria-online.
Il Magnum alla persona sono stati conferiti a Franco Vergano Il Sole 24 ore, Alessandro Cannavò Corriere della Sera, Anna Goffi ASA, Gabriella Dallasta Circolo della Stampa Milano, Giammichele Portieri Giornale di Brescia, Mariella Tanzarella Repubblica.

Image Image
Dai Montesissa è stato rivolto uno speciale ringraziamento agli sponsor di qualità che hanno coronato il menù della serata di gala, tutto piacentino, con i loro prodotti. Il Salumificio Peveri di Chiaravalle della Colomba (Alseno) e Acqua Valle (Rovegno) entrambi produttori piacentini e all'Artista Piacentina Maurizia Gentili per i suoi "Vinarelli" (quadri dipinti con i mosti di vino).

Ha condotto la serata il giornalista enogastronomo Osvaldo Murri, ideatore del Touring del Gusto.

COSE’ IL TOURING DEL GUSTO.
"Touring del Gusto" è lo strumento che fa esprimere la Tipicità e l'originalità della cucina Italiana, nonché  il testimone   della tenacità del ristoratore e del produttore  vitivinicolo di proporre la cultura enogastronomica locale".

In estrema sintesi il "Touring del Gusto" è il promotore della cultura mediterranea in tutte le sue espressioni.

ImageLo scopo del "Touring del Gusto" è quello di promuovere  la tipicità della cucina Italiana -  le professionalità dei cuochi  dei locali selezionati - ed i piatti storici della tradizione da loro realizzati;


Il "Touring del Gusto" ha  lo scopo di far conoscere e promuovere la qualità dei vini storici ed autoctoni italiani,  le loro grandi capacità di abbinamento e le aziende che li producono;

Il "Touring del Gusto" è una selezione del cibo  e del vino Italiano, scelti dai commensali che partecipano alla valutazione, esprimendo il proprio voto con una apposita scheda.

ImageSi valuta la piacevolezza, l’originalità e la presentazione del miglior piatto e il miglior abbinamento cibo/vino.

Il piatto e il vino prescelto accedono alla finale nel mese di giugno di ogni anno per l'assegnazione del titolo "Qualità Italiana", Locale Triple-T, ovvero, Locale della Tipicità – Territorialità - Tenacità".

"Touring del Gusto" infine, è una selezione della qualità italiana, patrocinato dall'Istituto Nazionale delle Ricerche Turistiche (ISNART) e da OSPITALITA' ITALIANA, ed è il mezzo per comunicare in modo corretto le modalità  di abbinamento cibo-vino per una alimentazione equilibrata e consapevole.

Selezione dei Ristoranti: Touring del Gusto non effettua nessuna selezione a caso, ma in modo mirato e preciso, richiedendo alcuni requisiti minimi per entrare nel Tour.

ImageSi valuta il locale (sala, cucina, servizi), la qualità, la tipicità e l'originalità dei piatti proposti, l'abbinamento con i vini (autoctoni e storici posseduti,) il servizio e l'assistenza al cliente (ospitalità).

Selezione delle aziende Vinicole: si effettua una selezione mirata e particolare riguardante tutta la filiera vitivinicola: campagna, cantina, stoccaggio, distribuzione, qualità prezzo.

Tutto (per entrambi) valutato su apposite schede, composte da 11 parametri categoriali e  con un punteggio valoriale minimo 60+2 e con un massimo di 100-1. Si entra nella premiazione se si superano gli 80 punti complessivi.

La valutazione finale del locale, del cibo e del vino, compreso il loro abbiamento è  di competenza dei commensali di ogni ristorante i quali esprimono il proprio giudizio attraverso una scheda, durante una apposita serata.  Partecipano alla tappa conclusiva i locali che superano i 2\3 del consenso dei commensali,

Touring del gusto è un marchio protetto e tutelato e il suo scopo istituzionale  non ha fini di lucro.

Image











Touring del gusto detiene il patrocinio gratuito di Isnart e Ospitalità Italiana e non può essere ceduto a terzi a nessun titolo.


Image      Image








Image

Image


Image
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Pross. > Fine >>

Risultati 64 - 72 di 78